Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. X

Ibo, gemma nascosta nel cuore delle Quirimbas


Presentato il piano di sviluppo turistico dell’area, risultato di un processo partecipativo che ha coinvolto stakeholder del territorio e comunità

Nel cuore dell'Arcipelago delle Quirimbas (Mozambico) si nasconde un vero e proprio gioiello. I'isola di Ibo è un paradiso per gli amanti della natura e destinazione turistica unica al mondo: barriere coralline, acque cristalline, foreste di mangrovie fanno da cornice a villaggi ricchi di storia e cultura.
Proteggere e valorizzare questo patrimonio naturale e culturale è fondamentale per garantire un'alternativa economica sostenibile agli abitanti di Ibo, che ogni giorno deve fare i conti con gli effetti negativi dei cambiamenti climatici e con il deterioramento delle risorse naturali, in particolare marine, su cui si basa la loro sopravvivenza. La grande sfida che vede impegnata Oikos al fianco di comunità e istituzioni del territorio è promuovere un nuovo tipo di turismo, rispettoso dell'ambiente e che abbia come protagonista la popolazione locale. Lo facciamo dal 2012 grazie all'impegno di una rete di organizzazioni, fondazioni, enti italiani e internazionali che hanno creduto e continuano a credere in noi. In particolare, Fondation Ensemble e l'Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo, che hanno sostenuto il progetto PHARO.
La definizione del primo piano di sviluppo turistico dell'area rappresenta un importante passo in questa direzione. È il risultato di un processo partecipativo durato un anno e che ha coinvolto comunità e stakeholder del territorio in una serie di incontri volti a individuare i bisogni, le idee, le prospettive per il futuro. Più di 220 visitatori sono stati intervistati per identificare quali siano le attività e le escursioni più apprezzate, raccogliere suggerimenti e valutare le aspettative del turisti che visitano la zona.
Il piano individua inoltre le opportunità legate a uno sviluppo turistico sostenibile nell’area e ne stabilisce una visione partecipata: “Ibo accoglie caldamente visitatori da tutto il mondo che aiutino la comunità a proteggere e conservare le risorse del luogo, in particolare le tradizioni locali - si legge infatti nel documento - Lavorando insieme, ci  assicureremo che la crescita turistica guidi lo sviluppo dell’intera comunità e del distretto, su tutti i fronti: miglioramento delle scuole e della sanità, pulizia delle spiagge, sistemazione di strade e sentieri, creazione di nuove opportunità economiche per le donne e gli uomini che abitano qui”.
Tra gli strumenti di promozione di questa destinazione anche un video, appena lanciato, che racconta i tesori nascosti di uno degli ultimi paradisi naturali del pianeta.

Una crescita socio-economica che sia sostenibile e duratura deve infatti necessariamente passare per un ampio programma di tutela del patrimonio naturale e culturale locale. Questo è l’impegno che portiamo avanti dal 2012 nell’Arcipelago delle Quirimbas e che si è consolidato nel corso dell’ultimo anno con il progetto Redes Ibo, finanziato dall’Unione Europea e da Regione Lombardia. Proprio sull’isola di Ibo si è appena conclusa la cerimonia per il lancio ufficiale del progetto, che mira appunto a promuovere forme di turismo responsabile e comunitario sull'isola rafforzando le realtà locali impegnate nel settore. Il piano di sviluppo turistico è stato presentato in questa occasione. Presenti, tra gli altri, il Governatore della Provincia di Cabo Delgado, l'Ambasciatore UE, l'Amministratore del Distretto di Ibo e quello del Parco Nazionale delle Quirimbas.
Per maggiori informazioni sul progetto clicca qui.

X
Iscriviti alla nostra newsletter

Sei interessato alle nostre attività?
Iscriviti alla nostra newsletter qui.
Informativa privacy