Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Può conoscere i dettagli consultando la nostra privacy policy qui. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. X

Il Mediterraneo brucia: spegniamo l’incendio


MediterRE3: Restoring the Resilience of Mediterranean landscapes

Condivisione di buone pratiche per ridurre il rischio di incendi nel Mediterraneo


Si stima che nel Ventunesimo secolo gli incendi rappresenteranno il 30% delle emissioni di gas climalteranti prodotti nel Mediterraneo. Tra le principali cause, inadeguate pratiche gestionali del paesaggio, che provocano accumuli di biomassa vegetale secca facilmente infiammabile. Il progetto MediterRE3 promuove la riduzione di emissioni di gas climalteranti da incendi in tre aree chiave di Grecia, Montenegro e Francia. In stretta collaborazione con i nostri partner, aumentiamo le competenze dei decision makers e dei professionisti del settore sui principi del Forest Landscape Restoration (FLR). Con un obiettivo: restaurare i paesaggi forestali mediterranei con soluzioni fire-smart.

– Photo credit: David Tatin –

GLI INCENDI NEL MEDITERRANEO: UN DISASTRO LEGATO ALLE ATTIVITÀ UMANE
Gli scienziati stimano che nel corso di questo secolo gli incendi rappresenteranno il 30% delle emissioni di gas climalteranti prodotti nel Mediterraneo. Le aree incendiate aumenteranno conseguentemente tra il 40% ed il 100%. Una delle principali cause è rappresentata dall’applicazione di inadeguate pratiche gestionali del paesaggio, che provocano accumuli di biomassa vegetale secca facilmente infiammabile. L’abbandono delle aree rurali nei paesi mediterranei, storicamente caratterizzati da paesaggi a mosaico resilienti sia dal punto di vista ecologico che socio-economico, ha causato l’omogenizzazione e la semplificazione del territorio. Il conseguente accumulo di biomassa vegetale e un’errata pianificazione territoriale aumentano esponenzialmente il rischio d’incendio.
 

LA SOLUZIONE: PAESAGGI FIRE-SMART
Il progetto MediterRE3 promuove un approccio relativamente innovativo e integrato per la gestione del rischio incendi: i “paesaggi fire-smart”. Si basa sulla gestione delle biomasse e sulla riduzione dell’intensità degli incendi. In questo modo, i paesaggi forestali diventano più resistenti alla diffusione degli incendi e più resilienti. Nelle scorse due decadi lo sviluppo dei principi della Forest Landscape Restoration (FLR) ha evidenziato i benefici di questa strategia gestionale integrata. 
Nei prossimi mesi definiremo delle Linee guida per la pianificazione di paesaggi fire-smart in ambito mediterraneo e un Piano d’Azione Paesaggistico per applicare i principi FLR in ciascuno dei tre paesaggi forestali target: Parco Naturale Regionale del Luberon in Francia, Parchi Nazionali di Prokletije e Komovi in Montenegro e Parco Nazionale di Samarià/Lefka Ori in Grecia. L’obiettivo è assicurare un supporto a lungo termine per la gestione di queste aree, anche attraverso l’identificazione di adeguati strumenti di finanziamento per contrastare i cambiamenti climatici e il degrado del territorio. L’ulteriore diffusione delle azioni sarà garantita da Medforval, network di paesaggi forestali mediterranei di elevato valore ecologico.
 

LE ATTIVITÀ DEL PROGETTO MEDITERRE3
•    Redazione di Linee guida per la pianificazione paesaggistica fire-smart basata sui principi FLR e sulle buone pratiche già applicate nella regione mediterranea.
•    Sviluppo e applicazione di una metodologia scientifica per la riduzione delle emissioni di gas climalteranti nei paesaggi resilienti a mosaico, secondo diversi scenari climatici.
•    Sviluppo di Piani d’Azione Paesaggistici volti al restauro fire-smart dei tre paesaggi target 
•    Divulgazione dei risultati di progetto nell’area mediterranea attraverso il coinvolgimento del network Medforval 


I PARTNER DI PROGETTO
Parc naturel régional du Luberon (Francia)
Green Home (Montenegro)
CIHEAM MAICh (Grecia)
National Observatory of Athens (Grecia)
 

xxxxxx

Condividi e diffondi il progetto

Vuoi approfondire?


Dal 1996 ad oggi abbiamo realizzato più di 350 progetti in Italia, Europa e nei paesi del Sud del mondo. Scopri nel dettaglio come portiamo avanti l’impegno per la tutela dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile.

X
Iscriviti alla nostra newsletter

Sei interessato alle nostre attività?
Iscriviti alla nostra newsletter qui.