ITA ENG

Un clima che si può cambiare

Sensibilizzazione ed educazione, per non cedere al fatalismo e imparare cosa ciascuno può fare contro il riscaldamento globale. Con la creatività dei più giovani come alleata

Diffondi Il Progetto

Progetto Cambia il clima
Periodo 2014-2015
Settore Educazione alla sostenibilità
Area Europa, Africa, Sudamerica
Paese Italia, Tanzania, Brasile
Stato Concluso
Partner Oxfam Italia
Enti finanziatori Ministero Affari Esteri | Holcim s.p.a.

Educazione al cambiamento climatico

A partire dal 2014, Oikos ha avviato una campagna di sensibilizzazione ed educazione sul cambiamento climatico.
Questa emergenza ci impone di intervenire senza aspettare oltre. Allo stesso tempo, è importante non rassegnarsi: non è troppo tardi.
I comportamenti di ciascuno — nei consumi, nel lavoro, nel riciclo — hanno un peso. Vogliamo che tutti ne siano consapevoli, quindi motivati a adottare stili di vita più sostenibili.
La campagna sottolineerà lo stretto legame tra clima e sicurezza alimentare. Il riscaldamento globale può dimezzare la produzione agricola in molti paesi entro la fine del secolo. L’agricoltura, a sua volta, aggrava il riscaldamento: causa circa un terzo delle emissioni-serra complessive, soprattutto tramite la deforestazione, l’eccessiva produzione di carne, l’abuso della chimica.
Secondo i massimi esperti delle grandi istituzioni mondiali, il sistema va riequilibrato frenando il grande agrobusiness e le monocolture. Coltivazioni piccole e medie possono produrre di più, sostenibilmente, riducendo la fame.

Il ruolo dell’agricoltura

Il progetto “Cambia il clima” coinvolgerà le scuole e il pubblico adulto. Lavorando con Oxfam Italia, Oikos formerà 1500 studenti e cento educatori, in 50 classi di Lombardia, Trentino, Toscana e Sicilia, anche grazie a un kit didattico multimediale.
Gli studenti sfrutteranno le competenze acquisite per mettere a punto una campagna di sensibilizzazione di un pubblico più ampio, fatto di giovani e di adulti. Da una “sfida” tra le scuole coinvolte usciranno nuove idee su come comunicare efficacemente — anche sui social network — sul tema clima e sicurezza alimentare.
Nei “Future Workshop”, laboratori di partecipazione democratica, altri studenti confronteranno critiche e proposte.
Oikos realizzerà poi una app per smartphone e tablet incentrata sull’impronta ecologica di ciascuno e un convegno su clima e sostenibilità alimentare legato a Expo 2015.

Acquistare consapevolezza e diffonderla

In Tanzania e Brasile, Oikos formerà otto facilitatori educativi, realizzando attività di animazione didattica in altrettante classi. Un gemellaggio virtuale con le scuole italiane, via webcam, farà confrontare tutti i ragazzi con le esperienze di diversi angoli del mondo e darà occasione di pratica dell’inglese.
“Cambia il clima” avrà un approccio attivo ed esperienziale, multidisciplinare, partecipativo. Tratterà la creatività come risorsa importante per la conoscenza.
È stato studiato con il criterio della sostenibilità. Partecipazione degli studenti, formazione degli insegnanti, scambio interculturale, trasferimento di competenze sono tutte dinamiche il cui impatto cresce nel tempo. Il kit didattico, l’app e la campagna di sensibilizzazione diventeranno nuovi strumenti a disposizione di chi fa educazione su questi temi.

Sostieni questo progetto

Oppure usa le nostre coordinate
inserendo nella causale il nome del progetto che desideri sostenere

BONIFICO BANCARIO:
intestato a Istituto Oikos Onlus
Banca Popolare di Sondrio, ag. 1 - via Porpora 104, Milano 20131
IBAN IT80R0569601602000006906X78

CONTO CORRENTE POSTALE:
c/c 61923629
intestato a Istituto Oikos

Sostieni Oikos

Oppure usa le nostre coordinate
inserendo nella causale il nome del progetto che desideri sostenere

BONIFICO BANCARIO:
intestato a Istituto Oikos Onlus
Banca Popolare di Sondrio, ag. 1 - via Porpora 104, Milano 20131
IBAN IT80R0569601602000006906X78

CONTO CORRENTE POSTALE:
c/c 61923629
intestato a Istituto Oikos